IN BRIANZA: IL ROSSINI ART SITE, UN MUSEO A CIELO APERTO

IN BRIANZA: IL ROSSINI ART SITE, UN MUSEO A CIELO APERTO

Una delle zone che sto riscoprendo è la Brianza. E’ una terra ricca di bellezze nascoste, ville storiche (si parla di 140 fra residenze d’epoca, ville di delizia, edifici sacri),  di paesaggi incantevoli e di luoghi unici nel loro genere. Un esempio? Il Rossini Art Site, un posto incredibile, mai visto fino ad ora! Un parco gigantesco di 10 ettari che si estende tra le colline della Brianza e che ospita una collezione di sculture di arte contemporanea realizzate da artisti di fama internazionale come Pietro Consagra, Bruno Munari, Giò Pomodoro, Fausto Melotti, Andrea Cascella e Grazia Varisco, solo per citarne alcuni. Un polmone verde che celebra l’arte. Un museo a cielo aperto immerso completamente nella natura, voluto e realizzato dall’imprenditore e mecenate Alberto Rossini per ospitare la sua collezione di arte del Secondo Novecento.

Brianza Rossini Art Site

ROSSINI ART SITE UN PO’ DI STORIA

Rossini Art Site è una storia di amore e passione per l’arte, quella dell’imprenditore Alberto Rossini, titolare della Ranger Italia, in passato leader in Europa nella realizzazione di stampi per materie plastiche, fornitore di punta delle principali case automobilistiche (nel 2005 Ranger Italia è una piccola multinazionale con 1.600 dipendenti). Si racconta che tutto partì dalla statua di una ballerina che Alberto Rossini, allora ancora ventenne, vide nello studio dello scultore Gaetano Negri, a Cantù, dove era andato per ordinare il monumento funebre per la tomba del padre. La statua ancora oggi si può ammirare sulla scrivania di quello che fu lo studio dell’imprenditore. Diciamo che da quel momento si scatenò l’amore per l’arte, probabilmente sempre presente ma mai emersa prima, un amore molto particolare che decise di concretizzare creando questo parco immenso di sculture proprio vicino alla sua villa in Brianza.

Brianza Rossini Art Site
LO studio dell’imprenditore e mecenate Alberto Rossini

Più che un collezionista in realtà Alberto Rossini era un mecenate: tante sono le opere in giro per il mondo che ha recuperato e restaurato con l’aiuto dei suoi operai e col supporto dei macchinari della sua azienda, come tante sono quelle site specific, create appositamente sul posto. Gli artisti erano di casa: c’era chi andava per discutere delle nuove tendenze dell’arte, chi si fermava per lunghi periodi per realizzare opere. Fra gli assidui frequentatori c’erano Pietro Consagra, Franz Staehler, Andrea Cascella, Raymundo Sesma, , Dennis Oppenheim. L’arte era una parte attiva dell’identità dell’azienda stessa, un vero e proprio strumento di comunicazione interna ed esterna.

 

LE OPERE DEL ROSSINI ART SITE

Il parco ospita opere di artisti “rivoluzionari” protagonisti del panorama artistico italiano della seconda metà del Novecento. Si  tratta di artisti che, per primi in Italia, intrapresero la rivoluzione dell’astrazione in scultura dettando nuove regole di un nuovo modo di fare scultura  Possiamo infatti ammirare l’opera  di Turcato, delle enormi tavole da surf colorate di grande impatto, forse tra le più belle opere a mio parere del parco.

Brianza Rossini Art Site
Opera di Turcato

Particolari le opere di Pietro Consagra, delle sculture verniciate in marrone chiaro e scuro, grigio chiaro, rosa scuro e verde realizzate dall’artista quarant’anni fa a Matera in occasione di una mostra a lui dedicata. Probabilmente il prossimo anno le porteranno in Basilicata in occasione della celebrazione di Matera come capitale della cultura 2019.

Brianza Rossini Art Site
Opera di Pietro Consagra

E poi c’è il pentagramma di Fausto Melotti,  preso da un opera di Bach e interpretato dall’artista . Ho apprezzato tantissimo i tulipani di di Franz Stahler, realizzati in formato gigante proprio per farti sentire una formichina e, l’aspetto interessante, è che  si muovono quando c’è vento.

 

Brianza Rossini Art Site
I tulipani di Franz Staehler

 

Brianza Rossini Art Site
Le Anfore di Franz Sthaeler

 

C’è anche la “Casa della Pace”, di Massimiliano Fuksas, esposta per la prima volta alla Biennale di Venezia del 2000 con lo scopo di rappresentare in scala ridotta l’edificio Peres Peace House, successivamente realizzato a Tel Aviv.

Brianza Rossini Art Site
La “Casa della Pace”, di Massimiliano Fuksas

Da maggio 2018 è stata inaugurata una nuova area espositiva con opere di Jean Tinguely realizzate in collaborazione con la sua ultima compagna Milena Palakarkina: grandi sculture metameccaniche (azionabili dal pubblico) composte da fili metallici e ferri in movimento che vogliono rappresentare la satira della macchina e della sovrapproduzione di beni materiali nella nostra società. L’effetto non è dei migliori. A mio parere sono terrificanti: su dei pannelli sono ritratti uomini e donne insanguinati e dai visi impauriti, le scene ritratte sembrano uscite dall’Inferno di Dante!

Brianza Rossini Art Site
Opera di Jean Tinguely

GLI EVENTI

Oltre alla visita al parco, la Fondazione Alberto Rossini propone un ricco programma di eventi e iniziative come performance e mostre di opere temporanee. potete assistere e partecipare a diversi eventi che periodicamente vengono organizzati dalla Fondazione Alberto Rossini. Per esempio domenica 14 ottobre in occasione della Giornata delle Famiglie al Museo, ci sarà una sorta di caccia al tesoro che consentirà di scoprire il parco con le sue bellissime opere. L’attività è rivolta a famiglie con bambini dai 5 anni. Ingresso con attività €14.

Per conoscere tutti gli eventi ed essere sempre aggiornati sulle iniziative del parco, vi consiglio di consultare sempre il sito, la pagina Facebook e il profilo Instagram

INFORMAZIONI UTILI

L’ingresso al parco è a pagamento: ha un costo di €9 a persona. Ci sono anche le riduzioni per cho è studente fino a 26 anni, per gli Over 65,  i Gruppi da 15 a 30 pax. Mi fa molto piacere vedere anche il pacchetto per famiglie che include 2 adulti e 2 bambini di età tra i 4 e i 18 anni.ad un costo di €24.

Il parco si trova a Briosco, un paesino sui colli brianzoli, ed è raggiungibile solamente in auto.

Insomma se non ci siete stati approfittate di queste ultime giornate di sole per scoprire uno dei posti più incredibili e suggestivi della Brianza.

 

In collaborazione con Brianza che Nutre

 

 

 

 

 

 

 

 

Elena
Meet the author / Elena

Inguaribile curiosa ed entusiasta della vita, mi piace andare in giro a scovare chicche e curiosità negli angoli nascosti della città. Adoro le storie, i viaggi, sia mentali che reali, amo le lunghe camminate e lo sport all’aria aperta e mi stupisco davanti alle piccole cose della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.