BICICLETTATA ALLA SCOPERTA DEL QUARTIERE ORTICA

BICICLETTATA ALLA SCOPERTA DEL QUARTIERE ORTICA

Non c’è niente di più piacevole di una passeggiata in bici per la città col naso all’insù alla ricerca di scorci inediti e alla scoperta dei suoi angoli nascosti. Il tutto ha un fascino e una suggestione unici. Andando in bici, il mio cervello magicamente si spegne, la spina si stacca e la curiosità si accende (non è che si sia mai spenta) proiettata esclusivamente verso nuove prospettive. E’ quello che è successo una domenica di ottobre durante la biciclettata organizzata da Wonder Way, una community di esploratori che amano scoprire Milano attraverso i suoi quartieri, alla ricerca di percorsi inesplorati. Fantastico! E’ esattamente quello che cercavo. Wonder Way, siamo sulla stessa lunghezza d’onda! E così con una cinquantina di impavidi esploratori mi sono lanciata in questa bella avventura alla scoperta del quartiere Ortica, uno storico quartiere milanese nel cuore di Lambrate.

Cercando su wikipedia, leggo che il quartiere è nota al grande pubblico per la descrizione romantica e comica di una “celebre” banda criminale ospitata nel quartiere, descritta da Enzo Jannacci, un incipit davvero interessante, ma che ci fa capire che Ortica nasconde interessanti chicche e curiosità uniche. E infatti è proprio così.

Prima di addentrarci nel quartiere, costeggiamo la stazione di Lambrate dove ammiriamo un bellissimo murales che scopro essere di Blu, un noto street artist bolognese. Il murales, che si estende su tutto il muro, raffigura una marea di macchine schiacciate da grandi biciclette ribaltando così la gerarchia del traffico cittadino. Davvero inquietante ma al tempo stesso divertente. Proseguendo la passeggiata passiamo davanti alla fabbrica Innocenti una delle più note aziende meccaniche italiane. Ricordate la lambretta? Ecco la Innocenti negli anni ‘50  produceva l’icona del romantico “Vacanze romane”, questo fino agli anni ’70 quando Innocenti chiude insieme ad altri stabilimenti dando vita ad un paesaggio post industriale imponente. E se vi dico Martinitt a cosa pensate? Bè prima di ieri non sapevo dell’esistenza di questo posto. Una struttura storica oggi sede di un teatro e residence per studenti universitari. A quanto pare un tempo accoglieva bambini provenienti da situazioni disagiate.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ed eccoci nel cuore di Ortica, dove si erge una piccola chiesa, una chicca del quartiere ricca di storia e di arte. La chiesa sorge sull’antica strada consolare un tempo attraversata dai mercanti bresciani e conserva un frammento di affresco risalente al primo ‘500 e raffigurante Cristo.

ortica_1
La chiesetta del quartiere Ortica

 

prete
L’antico affresco del ‘500 conservato nella chiesetta del quartiere Ortica

 

Proprio di fronte la chiesa, in fondo alla piazza scopro la Balera dell’Ortica, la storica balera un tempo luogo del dopo lavoro ferroviario e riaperta dopo 15 anni. Qui in estate si balla lisco e boogie woogie. Una piccola trattoria all’interno e una bocciofila completano il quadretto di questa altra chicca di quartiere.

10301524_10152291478341577_82498721160739093_n
La Balera dell’Ortica

Ma non finisce qui. Sulla via Ortica si possono ammirare alcune piccole botteghe di altri tempi tra cui la più caratteristica è il salone di parrucchiere arredato in stile anni ’70. Ma non si tratta di un arredo nuovo: il titolare, un signore sulla sessantina, ha lasciato tutto come era un tempo. Davvero forte. Per non parlare dei cortili delle case a ringhiera in perfetto stile “vecchia Milano”, sembra quasi tornare indietro nel tempo.

10687228_10152291483991577_5328448549079259683_n

Sapevate che nel quartiere Ortica ci sono alcune delle cascine storiche di Milano? Ed ecco la Cascina Cavriano, un angolo di campagna ancora incontaminata dove è possibile ritrovare l’atmosfera e i sapori delle antiche cascine milanesi. Quì è possibile trovare uno spaccio di frutta e verdura sempre fresche e un ristorantino dove assaggiare le prelibatezze della terra aperto solo il sabato sera e la domenica a pranzo.

 

12038138_10153633561369847_8447925122429622795_n
Cascina Cavriano

La vera chicca è la Cascina Sant’Ambrogio, ultima tappa di questo interessante tour. La Cascina, un tempo gestita da una famiglia di agricoltori oggi è in mano di un gruppo di giovani che vogliono far ritornare la cascina un importante luogo di agricoltura ed economia cittadina accessibile. L’edificio si sviluppa da una vecchia chiesa. E’ possibile ancora vedere l’abside che conserva un affresco appena visibile risalente al 1100. Una vera chicca! La cascina inoltre ospita un co-working e udite udite, è sede degli orti sociali. Chi ha il pollice verde e vuole mangiare cibi sani e biologici, può affittare il suo pezzo di terra e coltivarlo a piacimento. Non trovate sia un’iniziativa fantastica? E, per finire alla grande questa bella giornata, relax a suon di jazz grazie alle jazz band ospitate da Ortica in jazz. Tanta roba!

cascina1
Cascina Sant’Ambrogio

Se siete curiosi e avete voglia di scoprire una Milano inedita, vi consiglio vivamente di partecipare ai prossimi Wonder Tour. Per informazioni seguite gli aggiornamenti sulla pagina facebook dedicata e se volete qualche reportage degli scorsi tour seguite pure l’account instagram wonderwaymi .

Il prossimo tour è in programma il 26 Ottobre ed esplorerà  il quartiere Maggiolina e Isola.

 

Buon divertimento!

Elena
Meet the author / Elena

Inguaribile curiosa ed entusiasta della vita, mi piace andare in giro a scovare chicche e curiosità negli angoli nascosti della città. Adoro le storie, i viaggi, sia mentali che reali, amo le lunghe camminate e lo sport all’aria aperta e mi stupisco davanti alle piccole cose della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>