LA STREET ART NON SI FERMA: I MURALES PIù BELLI A TEMA CORONAVIRUS
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LA STREET ART NON SI FERMA: I MURALES PIÙ BELLI A TEMA CORONAVIRUS

Kobra street art a tema coronavirus

Di fronte all’emergenza Coronavirus anche gli street artist si mobilitano realizzando opere a tema. In tutto il mondo, da quando si è diffusa l’epidemia, sono spuntati  murales dedicati che raccontano in modi diversi questo particolare momento e l’impatto del Covid-19 sulle nostre vite.  Alcuni sono ironici in grado di strappare un sorriso, altri ancora sono dei veri e propri omaggi al personale sanitario che è in prima linea a combattere contro il virus, altri ancora sono un esplicito invito a restare a casa. Alcuni artisti sono riusciti a realizzarli prima della quarantena altri li hanno realizzati nei loro studi.

L’arte è uno strumento straordinario, e, mai come in questo periodo, è portatrice di luce e speranza.

Ecco qui di seguito i murales più belli a tema Covid-19. Pronto/a per questo tour virtuale nel mondo?

I MURALES PIù BELLI A TEMA CORONAVIRUS

#1 MUMBAI – TYLER

Un Buddha con la mascherina è l’opera che l’artista Tyler ha realizzato a Mumbai. L’artista è definito il Banksy di Mumbai per la sua tecnica inconfondibile dello stencil e anche perché con le sue opere lancia spesso messaggi sociali e politici. Non è un caso se lo pseudonimo “Tyler” si ispira al personaggio interpretato da Brad Pitt in “Fight club”.

Tyler Mumbay street art coronavirus
Foto di @tylerstreetart

#2 CALIFORNIA – PONY WAVE

Mette proprio di buon umore l’opera che l’artista Pony Wave ha realizzato a Venice Beach, California: raffigura due persone che si baciano indossando mascherine a fiori. L’artista nella didascalia ci tiene a precisare che l’opera è stata realizzata prima della quarantena e invita tutti a stare a casa e approfittare di questo periodo di chiusura per riflettere su se stessi, sulla propria vita.

https://www.instagram.com/p/B-H0sOrAa-l/

#3 AMSTERDAM – FAKE

Una super infermiera spunta ad Amsterdam e porta la firma di Fake. L’artista olandese ha voluto omaggiare tutti gli operatori sanitari che stanno combattendo questa dura battaglia contro il Covid-19 e che stanno salvando tante vite mettendo  rischio la propria. L’artista li ha voluti rappresentare come dei supereroi, lanciando un messaggio pieno di gratudine. Interessante notare come lo sguardo dell’infermiera è fermo e rivolto verso l’alto, ad esprimere speranza e coraggio. “Questo lavoro è un tributo a tutto il personale sanitario mondiale, che rischia la propria vita affinché ognuno di noi possa essere al sicuro” si legge sul suo profilo. E l’artista ci fa un bel regalo: dà a tutti la possibilitèà di scaricare l’immagine gratuitamente e stamparla. Per info clicca qui.

https://www.instagram.com/p/B-ACb_4lMCf/

#4 TEHRAN – XAMOOSH

Un altro tributo a medici e infermieri è quello rivolto dall’artista iraniano Xamoosh. L’opera spuntata a Teheran è intitolata “Don’t be afraid”.

https://www.instagram.com/p/B9mBHUXJRNY/

 

#5 KOBRA

Un messaggio di speranza e di pace è quello che trasmette Kobra nel suo murale. L’artista brasiliano, raffigura cinque bambini di etnie differenti  tutti con una mascherina e nel gesto di pregare. Nel post su Instagram si legge “We will overcome this together, but apart. Or apart, hence together. In these times of necessary social isolation, we need to have faith. Regardless of our geographic location, ethnicity, and religion, we are united in the same prayer: may God inspire scientists to find the solution to this pandemic – and comfort our hearts so that we have the strength and can continue together as humanity.”.

Davvero emozionante e super incantevole come in fondo tutte le sue opere! Uno degli artisti secondo me più wow e straordinari di questi tempi!

https://www.instagram.com/p/B-lNoP5F9Ms/

 

#6 NEW YORK – TOM BOB

Conoscete Tom Bob? È un artista geniale che trasforma anonimi e grigi oggetti urbani come centraline elettriche, tubi, contatori del gas in spettacolari opere d’arte. Ha trasformato interi quartieri di New York con le sue opere. Anche lui ha realizzato un’opera dedicata a tema Coronavirus: un omino vestito in abito nero col cappuccio e falce in mano e con indosso una mascherina e accanto la frase “Better to 6 feet apart than 6 feet under”. Un invito a salvaguardarci e a stare a casa perché questo virus non guarda in faccia a nessuno.

 

https://www.instagram.com/p/B-qCzynpeTm/

 

#7 LOS ANGELES – MR BRAINWASH

Anche l’artista francese Mr Brainwash (pseudonimo di Thierry Guetta) che attualmente vive a Los Angeles, all’esterno del suo studio invita tutti a stare a casa per limitare il contagio. L’artista ha anche realizzato “I love Italy” un omaggio all’Italia in edizione limitata e in vendita presso la galleria Deodato Arte. L’opera mostra su sfondo bianco un palloncino a forma di cuore che risalta per i colori della bandiera italiana. Il sottile filo che lo tiene, in rosso, forma invece la parola “love”. Un messaggio di ottimismo e positività e al tempo stesso un messaggio di speranza ed amore, dedicato ad un popolo che non si è mai arreso alla sofferenza e alla paura.

https://www.instagram.com/p/B-uW7Tpn6ES/

#8 COPENAGHEN – WELINOO

Nella capitale danese è spuntato un Trump in versione Coronavirus Covfefe-19. Davvero divertente. Nella post l’artista scrive: “I take no responsibility for painting this piece”.

 

https://www.instagram.com/p/B-CsxuspC81/

 

#9 METZ (FRANCIA) – JÉRÉMY SYRO

Sappiamo tutti che uno degli articoli più acquistati nei supermercati in questo periodo è la carta igienica. E così l’artista francese Jérémy Syro ironizza sulla paura della sua mancanza. L’opera è comparsa a Metz e si chiama “The Precious”. Fortissima.

https://www.instagram.com/p/B97XjRDiHzr/

 

#10 PADOVA – ALESSIO-B

Ed eccoci agli artisti italiani. Il padovano Alessio-B ha realizzato diverse opere a tema Coronavirus. Un’infermiera rappresentata comeWonder Womanche indossa la mascherina con i colori dell’Italia; un omaggio al coraggio e alla forza di medici e infermieri che rischiano tutti i giorni la loro vita per salvare tante vite umane.

https://www.instagram.com/p/B-RiXRsixi6/

Un’altra opera dedicata al momento particolare raffigura  E.T. che invita a stare a casa. L’artista non poteva scegliere un soggetto più esplicativo!

https://www.instagram.com/p/B-y8lEWHQ4U/

Bellissima anche quest’opera, un messaggio di speranza per tutti.

https://www.instagram.com/p/B99OzbICcIu/

#11 PADOVA – D-SIGN OF LIGHT DI ANDRE ROULè

Sempre a Padova, gli street artist hanno realizzato qualcosa di davvero sorprendente.

L’artista Andre Roulè a fine marzo ha cominciato a proiettare, direttamente dalla finestra di casa sua frasi ed animazioni sulla facciata dell’edificio di fronte. Ha poi coinvolto altri artisti padovani e oggi le proiezioni sono un appuntamento fisso durante la quarantena. Gli artisti coinvolti sono Alessio-B, Mattia Campo dall’Orto, Skaione Tony Gallo, Ver Tical, ecc.

Insieme poi hanno deciso di organizzare D-sign of light un’asta benefica in cui ognuno ha donato la propria opera per raccogliere fondi da destinare direttamente alla Terapia Intensiva dell’Ospedale di Padova per l’acquisto di presidi DPI (dispositivi di protezione individuale) e respiratori. L’asta è partita l’8 aprile e si è conclusa il 12 aprile raccogliendo quasi 37.000. Puoi trovare tutte le opere presenti all’asta a questo link.  Qui puoi trovare un video realizzato da Il Mattino di Padova.

#12 ITALIA – MILLO

Millo ha realizzato una stampa per una raccolta fondi a favore dell’Ospedale di Pescara. Un bambino e una bambina cercano di ricomporre e ricostruire un cuore spaccato in mille pezzi, sullo sfondo di una città, come nel suo stile.  Un bel messaggio di speranza!

https://www.instagram.com/p/B-ea39-oeb-/

#13 TRA MILANO E BARCELLONA – TV BOY

Un altro artista che ha interpretano in modi diversi il tema dell’emergenza Covid-19 è senza dubbio lui, TV Boy. Tra Milano e Barcellona entrambe sue città di adozione ha lasciato il suo segno anche  in questo periodo. Una delle sue opere più famose e discusse è la riproduzione del noto dipinto di Hayez “Il Bacio” in versione Coronavirus: i due amanti si baciano con indosso la mascherina e in mano l’Amuchina. L’amore ai tempi del co..vid19” è il titolo dell’opera. Un’opera molto discussa perché l’artista ha dichiarato sui social di averla realizzata a Milano ma nessuno è riuscita a vederla. È partita una vera e propria caccia al murale ma nulla, nessuno è riuscito a trovarlo.

https://www.instagram.com/p/B9HJz4YCkkP/

 

Un altro pezzo forte dell’arte italiana viene reinterpretato dallo street artist in versione attuale. Ed ecco che a Barcellona compare “La Gicondadi Leonardo con la mascherina. Monna Lisa, oltre alla protezione in volto, ha in mano uno smartphone col logo del Mobile World Congress, cancellato a causa dell’epidemia.

https://www.instagram.com/p/B8rznggi_Jk/

 

Anche Tv Boy invita a stare a casa e lo fa con le maniere forti. In questa opera, realizzata a Barcellona, lo stare a casa non è tanto un invito ma un ordine.

Di quest’opera come anche de “La Gioconda” e de “L’amore al tempo del Coronavirus” puoi trovare le litografie sullo shop online dell’artista. 

https://www.instagram.com/p/B9pmhqEqWVs/

 

Un messaggio di gratitudine per tutti gli operatori sanitari è rappresentato in quest’opera dove medici e infermieri sono raffigurati come degli angeli custodi. Sempre molto geniale il nostro TV Boy.

https://www.instagram.com/p/B-jbRBniQGO/

 

L’ultima opera dell’artista è un disegno che condivide sul suo profilo Instagram in occasione della Pasqua. L’opera rappresenta perfettamente la condizione attuale in cui ci troviamo, chiusi nelle nostre case con pochissime possibilità di uscita. Lascia però spazio alla speranza.Raffigura lo stravolgimento della condizione dell’uomo. Abituati alla libertà, adesso padre, madre e figlia si trovano rinchiusi in un’uccelliera. Non si guardano tra loro: gli occhi sono rivolti verso l’esterno della gabbia, con la faccia all’insù.
Nel cielo si libra una colomba, ed è qui che avviene il ribaltamento di prospettiva: sono gli animali, sui quali l’uomo ha sempre avuto il dominio, a essere in libertà ora. Il posto dell’uccello sarebbe la gabbia, ma è occupata giù dalle persone, costrette a rispettare la quarantena durante l’emergenza del Coronavirus
.”. La colomba è un messaggio di speranza, il riferimento a una nuova vita che sta cominciando. L’artista si riferisce infatti alla fase 2 dell’emergenza sanitaria, in cui dovremo adottare nuove abitudini e ricominciare una nuova vita.

https://www.instagram.com/p/B-y0ro_CLP6/

#IORESTOACASAARTISTIUNITI

E a proposito di arte che non si ferma approfitto di questo post per segnalarti una bellissima iniziativa alla quale ti suggerisco di aderire. Street artists, Writers, Rappers, Tattooers, Designers, Illustratori hanno deciso insieme di dare una mano a chi lavora ogni giorno per salvare la vita. Ogni artista ha realizzato un disegno su T-shirt o felpa dedicato a questa emergenza che puoi acquistare in questo shop. C’è davvero l’imbarazzo della scelta.  Tra gli street artist che conosco ci sono Piger, Martina Luna Rubini, Pablopinxit, Ominorosa, Maupal, StenLex, Mech, Poska, Mr Piskv. I proventi della vendita saranno devoluti completamente alla Croce Rossa Italiana. Segui anche il profilo Instagram.

#iorestoacasaartistiuniti t-shirt Mr Piskv
Disegno realizzato dall’architetto e street artist Mr Piskv.

Ti è piaciuto questo giro del mondo della street art a tema Coronavirus? L’arte può essere davvero terapeutica, anche in questi momenti.

Spero sinceramente che questa emergenza possa ridimensionarsi al più presto e mi auguro di poter tornare presto ad uscire liberamente.

Se vuoi continuare a fare il giro del mondo a caccia di muri, partecipa alla challenge #STREETARTDALDIVANO. Ogni lunedì seleziono uno o più scatti e li condivido sui miei canali. Trovi tutte le info nelle stories in evidenza “Challenge” sul mio profilo Instagram. Vi aspetto!

 

 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

0.0/5

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato su chicche, curiosità di Milano e dintorni.

Ho letto l’informativa sulla privacy