Econocom chiude il 2016 con un evento dedicato all’innovazione

Econocom chiude il 2016 con un evento dedicato all’innovazione

Econocom società leader del settore ICT chiude l’anno con un evento speciale dedicato all’innovazione, presso Terrazza Aperol.  Ovviamente non potevo mancare a questa serata essendo appassioata di tecnologie e digitale. Durante la serata, con la presenza di ospiti d’eccezione, si è parlato di Scienza e Fantascienza, di come il futuro che immaginiamo possa diventare realtà grazie alla tecnologia. Proprio da questo spunto Econocom ha lanciato durante il 2016 #OnChallenge il contest innovativo che ha premiato l’idea più creativa ed efficace, il cui vincitore è stato premiato proprio in occasione di questo evento che si è svolto giovedì scorso 15 dicembre.

Se qualcuno ha un progetto, un’idea innovativa che potrebbe cambiare la vita delle persone ma non lo realizza resta nel terreno della fantascienza; se invece accetta la sfida e si adopera affinchè si tramuti in realtà, diventa scienza e innovazione. La mission di Econocom è proprio questa: realizzare il futuro che abbiamo sempre solo immaginato grazie all’utilizzo della tecnologia. E’ una porta aperta all’innovazione e ai nuovi talenti. Da quarant’anni è infatti un acceleratore nella trasformazione digitale delle aziende, le affianca e le supporta in tutte le fasi del progetto dall’organizzazione al finanziamento dalla scelta delle soluzioni innovative più utili a potenziare il proprio business al consolidamento.

L’evento del 15 dicembre scorso è stato organizzato in modo da proiettarci in un ipotetico futuro, idealmente nel 2116: da un lato gli allestimenti attraverso proiezioni di frame di film passati che hanno immaginato il futuro, dall’altro i racconti di ospiti d’eccezione che spaziavano dalla scienza alla fantascienza, dalla tecnologia al digitale.

Ad aprire le danze  Enrico Tantussi, Country Manager di Econocom Italia, accompagnato da due ambasciatrici spaziali, le DoubleX, due eroine fashion che arrivano dal futuro, un po’ inquietanti ma molto originali. A moderare l’evento, Maurizio Melis, conduttore di Radio24, giornalista scientifico e giurato speciale del concorso ON Challenge. Interessante l’intervento di Silvio Sosio, giornalista e presidente delle case editrici Delos Books e Delos Digital, nonchè direttore della rivista Robot e della testata online Fantascienza.com. Con lui si è parlato di narrativa con focus sulla fantascienza e di come questa abbia  dato una rappresentazione del futuro che pareva davvero irraggiungibile, ma che poi si è rivelata veritiera (anzi spesso la realtà ha superato l’immaginazione). Non potevano mancare i racconti di un astronauta e astrofisico come Umberto Guidoni, che ha parlato dello spirito di innovazione di quegli uomini non vedono l’impossibile come un limite assoluto. Interessante la sua storia: dopo due missioni in orbita, dal 2001 al 2004 svolge attività di supporto per gli esperimenti scientifici e tecnologici del modulo europeo Columbus. Guidoni è anche uno scrittore. Ha infatti scritto racconti per bambini ed è approdato in radio con due trasmissioni in cui si parla delle tappe alla conquista dello spazio.  La serata si è chiusa con il vincitore del concorso ON Challenge, Daniele Ge con l’idea “Solo Noi”: il braccialetto che crittografa via Bluetooth le conversazioni tra due persone e che sblocca contenuti privati in un’app dedicata proteggendo così la privacy.

Una serata speciale quella di giovedì scorso che conferma quello che ho sempre pensato e cioè che grazie alla tecnologia niente è impossibile! #Theutureison

 

Buzzoole

Elena
Meet the author / Elena

Inguaribile curiosa ed entusiasta della vita, mi piace andare in giro a scovare chicche e curiosità negli angoli nascosti della città. Adoro le storie, i viaggi, sia mentali che reali, amo le lunghe camminate e lo sport all’aria aperta e mi stupisco davanti alle piccole cose della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>