MUSICA, LIBRI E ARTE SUI TETTI DI MILANO

MUSICA, LIBRI E ARTE SUI TETTI DI MILANO

Cosa ci fanno una libraia, un musicista e una foodblogger su un tetto di un palazzo nel cuore di Milano? Un trio curioso, per nulla banale che ci fa pensare a qualcosa che ha a che fare con l’arte, la musica e il cibo. Loro hanno infatti ideato un nuovo format di evento culturale a Milano unico nel suo genere.  Si chiama “Ti aspetto sul tetto” ospita musica, libri e arte sui tetti di Milano. Ma non è un evento come tanti e vi spiego perché.

Eventi
“Ti aspetto sul tetto” è il nuovo format di eventi culturali che si svolgono sul tetto di un palazzo nel cuore di Milano

ENTRIAMO NEL VIVO

Innanzitutto si svolge in una location unica: il terrazzo di un palazzo in centro a Milano accanto la Torre Velasca. Da quì puoi ammirare la città dall’alto, puoi vedere le cupole delle chiese, i tetti delle case e, a due passi da te, hai la Madonnina del Duomo che aspetta di essere immortalata. Insomma un paesaggio che non vedi tutti i giorni. Secondo: gli ospiti. “Ti aspetto sul tetto” ospita artisti scrittori, musicisti, cantautori, poeti, etc. che  raccontano, con la propria arte, i loro progetti deliziandoci con le loro storie e le loro opere. Si tratta di artisti emergenti ma anche di conosciuti al grande pubblico, come per esempio Omar Pedrini e Davide Van de Sfros, protagonisti degli ultimi due appuntamenti. Terzo: il tipo di format dall’offline all’online. “Ti aspetto sul tetto” se da un lato è un evento raccolto e con pochi invitati in loco, dall’altro, grazie ai social è accessibile a chiunque abbia una connessione a Internet e un profilo su Facebook. Gli eventi infatti sono trasmessi live sulla pagina FB dedicata permettendo a tutti di assistervi e di intervenire con domande agli ospiti. E, se ti sei perso il live, no panic! Lo puoi recuperare in un secondo momento perché la registrazione della puntata è online sia sulla pagina Facebook che sul sito! Un format innovativo dunque che, sfruttando le potenzialità dei social network, entra nelle case di tutti. Per la serie la cultura è di tutti e per tutti! E, per questo mi piace tantissimo. Davvero chapeau per l’idea!

Intervista Milano
Davide Van de Sfroos intervistato da Rizzo sul sotto tetto. Credits photo: Arianna Guastini

CHI C’E’ DIETRO “TI ASPETTO SUL TETTO”

Ma torniamo al trio che ha ideato “Ti aspetto sul tetto”. Cristina, Andrea e Francesca sono persone che hanno mille passioni e hanno sempre tantissime idee che frullano nella loro testa. La prima la conosciamo già da un po’. Hai presente la libraria della Scatola Lilla di cui parlo spesso? Sì è proprio lei,  Cristina di Canio,la spacciatrice di storie”, così ama definirsi. Dovete sapere che quando ci sono idee originali e particolarmente interessanti c’è sempre lei di mezzo. Cristina è infatti un vulcano di progetti oltre che di energia. Non si ferma mai. Basta pensare che ha trascorso l’estate a ristrutturare la sua bellissima libreria “Il mio libro” (Via Sannio, 18) anziché andare in vacanza. A proposito passate a vederla perché è carinissima! Ma non solo. Le sue idee sono talmente tanto carine e originali che trova sempre un ampio consenso di pubblico. Poi c’è Andrea Spampinato, percussionista e cantante che ama definirsi il “musicista tuttofare”. Sì perché nel corso della sua vita ne ha fatti di lavori: dall’aiuto cuoco al Telemarketing, dal Content Marketing alla creazione di siti web (tutt’oggi fa anche questo). Ma ciò che lo ha sempre caratterizzato è la passione per la musica che non lo ha mai abbandonato. Oggi infatti fa parte della Woody Gipsy Band. Se vuoi un assaggio, visita pure il suo sito www.diecisei.com. All’interno di “Ti aspetto sul tetto” Andrea è il tecnico-fonico, colui che si occupa dei microfoni, dell’audio e della diretta Facebook.

Dietro le quinte
Scatti da backstage

Infine c’è la foodblogger Francesca che si definisce “cuoca infallibile”. “Il cibo non è una tecnica da applicare, un sapore da affiancare, una ricetta da imbastire. E’ di più, è un linguaggio, è una relazione, è un incontro con l’altro. E questo linguaggio “leggero” e “attento”, costruito con cura, diffonde piacere, unione, calore e… calorie”. Come non possiamo darle ragione! Prima della diretta, lei fa gli onori di casa e fa sentire a suo agio i pochi fortunati invitati, offrendo fantastiche prelibatezze fatte con le sue manine. Tra le specialità che ho assaggiato ci sono i friarielli avvolti nel bacon, la trecciotta al pesto, crema di canellini e polpette di mortadella. Mi sono leccata i baffi! Peccato che dal web non puoi vedere tutta questa bontà ma per capire di cosa stiamo parlando puoi dare un’occhiata al suo sito. Francesca si occupa inoltre delle interviste agli ospiti compito non semplice che le viene molto naturale.

Ideatori del format
Gli ideatori del format: Cristina di Canio, Andrea Spampinato, Francesca Elias. Credits Photo:  Arianna Guastini

Insomma possiamo dire che è un trio dalle mille risorse e non possiamo che far loro i nostri complimenti per questo interessante format e un in bocca al lupo per i prossimi progetti! Chissà cosa sforneranno!!

 

Pupazzini
Francesca, Andrea e Cristina in versione pupazzetto.

PUNTATA DEL PRIMO SETTEMBRE: OSPITE DAVIDE VAN DE SFROOS

Io ho avuto il piacere di partecipare alla puntata del primo settembre. Ospite di “Ti aspetto sul tetto” è stato il cantautore Davide Van de Sfroos che si è raccontato tra musica e parole.  Non lo avevo mai visto prima dal vivo anche se lo conoscevo (quì a Milano è un’istituzione) ed è stata per me un’occasione unica per conoscere da vicino questo cantautore che porta la cultura lombarda in giro per il mondo.

Ti aspetto sul tetto
Davide Van de Sfroos ci allieta con le sue canzoni. Credits Photo: Arianna Guastini

Purtroppo il tempo non è stato clemente pertanto abbiamo dovuto rinunciare ai tetti e optare per la veranda che non era affatto male, anzi! Ho apprezzato tantissimo anche questa location! Van de Sfroos, noto per le sue canzoni in dialetto “laghée“ (parlato fra Como, Lecco e il Canton Ticino) ha cantato alcuni dei suoi pezzi forti e ha parlato del concerto a San Siro nel giugno scorso, delle sue emozioni provate in quell’occasione, dei gesti scaramantici che fa prima di un concerto. Ha anche anticipato che in occasione del prossimo concerto in programma il 23 settembre all’Open Air di Experience a Rho Fiera, non potrà non parlare di Nanni Svampa, portabandiera della tradizione lombarda, che ci ha lasciato recentemente.

 

Ti aspetto sul tetto
Aperitivo Time. Credits Photo: Arianna Guastini

Insomma è stata una piacevole serata, intima, raccolta. E’ stato un po’ come entrare in una casa di amici che conosci da tempo e assistere però ad un evento speciale e memorabile che ti resta nel cuore. Anche per questo amo Milano!

Se vuoi vedere le precedenti puntate vai sulla pagina Facebook di “Ti aspetto sul tetto” oppure sul sito. 

Prossimo appuntamento oggi alle 18.30 su Facebook. Ospite: Patrizio Fariselli.

Per la programmazione segui sempre la pagina dell’evento!

 

Buona visione!

 

Elena
Meet the author / Elena

<p>Inguaribile curiosa ed entusiasta della vita, mi piace andare in giro a scovare chicche e curiosità negli angoli nascosti della città. Adoro le storie, i viaggi, sia mentali che reali, amo le lunghe camminate e lo sport all’aria aperta e mi stupisco davanti alle piccole cose della vita.</p>

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>