27 GENNAIO, GIORNATA DELLA MEMORIA. EVENTI E LUOGHI DA NON PERDERE

27 GENNAIO, GIORNATA DELLA MEMORIA. EVENTI E LUOGHI DA NON PERDERE

Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, in cui si ricorda una delle tragedie più terribili della storia dell’umanità. Milano, nel periodo della seconda guerra mondiale, fu presa d’assalto dai nazisti e furono davvero tanti i deportati nei lager. Dalla stazione centrale, da quel binario nascosto, dove oggi sorge il Memoriale della Shoah,  partivano i vagoni merci agganciati ai convogli diretti a Auschwitz-Birkenau, Bergen Belsen e ai campi italiani di raccolta, come Fossoli e Bolzano. Furono migliaia gli ebrei caricati sui carri bestiame e condotti a morire “per la sola colpa di essere nati” o perché dissidenti politici.

Un giorno per ricordare, ma non solo: il 27 gennaio deve essere solo un’occasione per creare occasioni di confronto e di dialogo affinchè episodi di così tragici e di assoluto degrado della mente umana, non possano mai più ripetersi.

Come ogni anno sono tantissimi gli eventi in programma in occasione della Giornata della Memoria in tutta la città. Ecco alcuni eventi e luoghi assolutamente da non perdere.

 

VISITA GRATUITA AL MEMORIALE DELLA SHOAH

In occasione di questa ricorrenza non si può non fare un salto a quello che rappresenta il luogo simbolo della deportazione di migliaia di ebrei e prigionieri politici. Si trova proprio nella zona sottostante il piano dei binari della Stazione Centrale. Un luogo sì della memoria, ma anche un centro vivo, che ospita incontri, mostre, dibattiti. Il noto Binario 21 è il luogo da cui ebbe inizio l’orrore della Shoah a Milano. Proprio da qui partirono, tra il 1943 e il 1945, i treni pieni di deportati ebrei e oppositori politici diretti ai campi di sterminio nazisti. Partirono in tantissimi, e in pochissimi tornarono tra i superstiti vi è Liliana Segre. Domenica 26 e lunedì 27 gennaio, potete visitarlo gratuitamente previa prenotazione a questo link. E’ possibile optare per la visita libera o guidata.  All’interno del Memoriale sarà possibile visitare “100 giusti del mondo”, la mostra organizzata in collaborazione con Gariwo e Galleria L’Affiche e con il contributo di Fastweb, che vede l’esposizione di 18 tavole originali di Jean Blanchaert, gallerista e artista poliedrico: un viaggio tra le storie di donne e uomini giusti, persone che in diverse situazioni e luoghi hanno mostrato integrità e coraggio, aiutando chi in quel momento era vittima di discriminazioni al punto da mettere a repentaglio la propria incolumità.

Giornata della Memoria

 

CORTEO DI COMMEMORAZIONE AL  PARCO NORD E VISITA AI BUNKER

Sapevate che il Parco Nord nasconde un monumento ai deportati? Io l’ho scoperto lo scorso anno in occasione di una visita guidata a cura di Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano Nord, Venticinque masselli di porfido disposti a semicerchio, sopra i quali sono incisi 460 nomi di deportati delle industrie locali, deceduti e sopravvissuti e un’enorme stele  che sorregge delle pietre, ricordano i deportati nei lager nazisti che lavoravano nella grandi e piccole fabbriche nell’area industriale di Sesto San Giovanni. Un’opera di land art davvero toccante.

Parco Nord Milano

Sabato 25 gennaio, alle 14.30 ci sarà il corteo di commemorazione al Monumento al Deportato con la partecipazione di oltre 20 sindaci di tutto il Nord Milano e della Brianza, di ANED e ANPI. Nel parco Nord, negli anni ’40, c’erano le fabbriche dell’Ansaldo Breda dove realizzavano gli aerei. Durante la secondo guerra mondiale vennero costruiti dei bunker per far rifugiare gli operai. Sapevate quest’altra chicca? Un posto fuori dal tempo  che  racconta i fatti cruciali dell’epoca e dove l’accompagnamento sonoro vi riporta al tempo dei bombardamenti per un’esperienza immersiva unica. La visita in programma alle 16.00 dello stesso giorno (il 25 gennaio), prevede  il reading di Daniele Biacchessi, giornalista e scrittore, storica voce di Radio 24, di alcuni brani del suo libro L’Italia liberata. Storie partigiane. “L’Italia liberata“, è un progetto multimediale sulle storie partigiane della Resistenza, realizzato dal giornalista in collaborazione con Associazione Arci Ponti di memoria e il sostegno di Arci nazionale, Coop Lombardia, Matera 2019 Open Future, Comune di Milano e di numerosi circoli Anpi e Arci sparsi nel territorio.

Se volete partecipare a una visita guidata l’ appuntamento è il 26 gennaio alle 15.00. La visita sarà arricchita dalla mostra fotografica Silenzio”, di Alessandro Arnaboldi, un lavoro fotografico sul campo di concentramento di AUSCHWITZ-BIRKENAU, nato dal desiderio di fornire al figlio di 10 anni, uno strumento utile alla costruzione della sua conoscenza della storia e di un proprio senso critico.

Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano Nord – EUMM. Per info e prenotazioni chiamare 02-241016.232. Oppure visita la pagina Facebook.

 Giornata della Memoria

SPETTACOLO CONCERTO DE LE CAMERISTE AMBROSIANE

Un evento che non vorrei perdermi è quello proposto il 24 gennaio al Teatro Pime da Le Cameriste Ambrosiane, la formazione d’archi tutta al femminile che porteranno in scena uno spettacolo-concerto che celebra e ricorda una insolita orchestra: quella formata ad Auschwitz da 47 donne deportate, dirette da Alma Rosé, eccezionale violinista ebrea, nipote di Gustav Mahler. Di essa fece parte anche Fania Fenélon, musicista francese, arrivata al campo nel Gennaio del 1944. Fania Goldstein, in arte Fenélon, era una pianista e famosa cantante di cabaret. Quando arrivò ad Auschwitz scoprì subito che la musica avrebbe potuto salvarle la vita. Entrò così nell’orchestra del lager, tutta femminile, che aveva il compito di allietare gli ufficiali SS, accogliere i nuovi prigionieri e accompagnare le detenute al lavoro. Lo spettacolo è un viaggio tra le musiche e i vissuti di questa comunità umana, un cammino nelle tenebre illuminato solo dalla bellezza della musica, che diventa motivo di speranza, di memoria, di futuro. Fania infatti riuscirà alla fine a realizzare il suo sogno più grande: “Sopravvivere e ricordare per far sapere al mondo”. In scena con Le Cameriste Ambrosiane anche l’attrice Silvia Giulia Mendola e il mezzosoprano Rachel O’Brien per una drammaturgia curata da Andrea Zaniboni. E’ prevista anche una replica mattutina dedicata alle scolaresche (info 02.43.822.534). Ingresso € 16 intero / € 12 convenzioni / € 10 ridotto fino a 30 anni, maggiori di 65 anni e allievi scuole di teatro. Posti disponibili 600. Possibilità di acquisto online su www.teatropime.it

Le Cameriste, 24 gennaio, Teatro PIME, via Mosé Bianchi 94, ore 21 (Metro Lotto).

CAMMINATA COMMEMORATIVA CON I GATTI SPIAZZATI

Uno degli elementi che ricordano lo sterminio nazista sono le pietre di inciampo. Vi sarà sicuramente capitato tante volte di vederle. Sono dei cubetti di pietra ricoperti da una lastra di ottone con inciso il nome del deportato in un campo di sterminio nazifascista, l’anno di nascita, la data e il campo di deportazione e la data di morte, se conosciuta A Milano le troviamo in vari quartieri tra cui in quello di Porta Vittoria. Proprio qui domenica 26 gennaio ci sarà una passeggiata commemorativa. Attraverso le pietre d’Inciampo saranno ricordati Mino Steiner, Giuseppe Malagodi, Giulia Forte Basevi, Emma Bovi. Si attraverserà poi il Borgo Giardino di via Lincol, un angolo di Milano molto suggestivo e coloratissimo di Milano. Un viaggio nella memoria dell’olocausto che vedrà protagonisti delle guide insolite: I Gatti Spiazzati. Li conoscete? Sono Aldo, Onofrio, Elisabetta, Gianni senza tetto e disoccupati che si sono reinventati proponendo dei tour alla scoperta di una Milano inedita.  Davvero un’interessante realtà di cui parlerò presto!
Per partecipare chiamare il numero 3385498695 oppure scrivere una mail a info.spiazzati@gmail.com Partecipazione gratuita.

Gatti Spiazzati

 

Spero di avervi dato degli spunti interessanti. Se conoscete altri eventi assolutamente da non perdere in occasione della Giornata della Memoria, scriveteli nei commenti o contattatemi. Mi fa sempre piacere condividere con voi suggerimenti e consigli utili.

Elena
Meet the author / Elena

Inguaribile curiosa ed entusiasta della vita, mi piace andare in giro a scovare chicche e curiosità negli angoli nascosti della città. Adoro le storie, i viaggi, sia mentali che reali, amo le lunghe camminate e lo sport all’aria aperta e mi stupisco davanti alle piccole cose della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.