VEGANI E VEGETARIANI E’ ARRIVATA APPETIT, L’APP PER MANGIAR SANO E A COSTI CONTENUTI

Mangiare sano e a prezzi contenuti qui a Milano è un’impresa alquanto ardua. Soprattutto durante la pausa pranzo, dove, avendo poco tempo a disposizione e non volendo spendere un patrimonio, ci riduciamo a  recarci nella tavola calda più vicina e ci accontentiamo di riempirci lo stomaco mangiando pasti super conditi o pizzette e focaccine che non fanno altro che riempirci di carboidrati e grassi. E se volessimo mangiar sano, o se fossimo vegetariani o vegani? Bè, ultimamente sono nate diverse realtà tra ristoranti e take away, ma quanto ci costano ragazzi! I prezzi di un take away vegano o vegetariano si aggirano tra gli €8 e i €10 a pasto, i prezzi di un ristorante non ne parliamo! E poi c’è da dire che non sono tutti a portata di mano. Una pratica quotidiana come quella di nutrirsi, che dovrebbe essere semplice e di facile accesso, per molti, soprattutto per vegani e vegetariani, diventa un’impresa assai ardua. Ad ovviare a questo problema, ci ha pensato Appetit, la nuova app che permette ai vegani e vegetariani di mangiar sano a prezzi contenuti e perché no, anche di guadagnare! E sì perché con questa app è possibile cucinare direttamente a casa propria, offrendo i propri piatti per asporto oppure organizzando una social dinner ospitando gli utenti nelle vicinanze di casa propria. Un modo innovativo di mangiar sano che, cavalcando l’onda della sharing economy, contribuisce a diffondere il concetto di cucina naturale e cruelty-free, tramite i piaceri della cucina e favorisce al tempo stesso la socializzazione. Wow! Davvero interessante! Ma cos’è precisamente e come funziona?  Lo abbiamo chiesto all’ideatore nonchè AD di Appetit, Alex, 27 anni, informatico e startupper, che a soli 17 anni ha creato la sua prima startup. Un ragazzo prodigio insomma!!

Come funziona Appetit?

Il servizio offerto da Appetit funziona interamente tramite la nostra app. Aprendo la app gli utenti troveranno i pasti ordinati per vicinanza, da mangiare a casa dei “cuochi” o per asporto. Per mangiare a casa di un “cuoco“ si può mandare una richiesta per il posto a tavola che il “cuoco“ può accettare o declinare. Per i pasti da asporto una volta che il pasto è stato comprato, all’utente viene addebitato il costo del pasto e riceve una conferma con l’indirizzo del “cuoco“ e la possibilità di chattare con lui. Sia utente e “cuoco“ si possono poi valutare per dare “trust” alla community. Se un utente vuole diventare cuoco, Appetitt organizza una verifica direttamente a casa dell’interessato per valutare cucina, igiene e qualità dei suoi pasti. Dopo che ha passato la verifica, può dunque piazzare i sui pasti nella app!

Come nasce l’idea di una app dedicata ai vegani e perché?

Il nostro team si occupa da tanti anni di tecnologie mobile per lo smartphone nel settore B2B, l’idea e nata come soluzione per mangiare in modo sano “home-made” e conveniente. Nessuno di noi è vegano ma io e gran parte dello staff siamo vegetariani e abbiamo perciò scelto questo mercato per via della pessima offerta in termini di servizi alimentari e di ristorazione. Per non parlare dell’offerta per i vegani che è di gran lunga inferiore. Tutto quello che noi vogliamo è permettere alla gente di mangiare meglio e a prezzi contenuti, per questo abbiamo pensato al vegano come mercato da prendere in considerazione.

Chi è Alex e quale è il suo background?

Un ragazzo di 28 anni, nato a Zagabria ma subito trasferito a Mosca in Russia per via della guerra, e successivamente a Roma. A 16 anni mi sono iscritto al’università per studiare ingegneria informatica, e a 17 ho creato il mio primo online “business” legato alla vendita di analisi statistiche nel campo dello sport. Dopo aver lavorato un paio di anni in campi informatici ho cominciato ad interessarmi all’“entrepreneurship”. Ho studiato quindi economia imprenditoriale e cominciato a lavorare in una startup nel settore sport, che oggi è il piu grande fornitore di Mobile SaaS per lotterie e “sportsbooks” ScoreAlarm. E, proprio qui, ho conosciuto Ivan, il fondatore di Score Alarm, oggi  mio partner in Appetit.

Perché devo utilizzare Appetit?

Noi vogliamo darti un’opzione per mangiare in modo sano e spendere poco, e, perchè no, per arrotondare. Il pasto da asporto che troverai nelle vicinanze sarà sicuramente un pasto sano e  con il miglior rapporto qualità/prezzo. Se poi sei vegano o vegetariano, e già cucini a casa in modo sano e gustoso, con Appetit hai la possibilità di coprire i costi della tua spesa o addirittura di guadagnare.

Se volessi diventare cuoca Appetit quali sono gli step da seguire?

Si fa richiesta tramite l’app o via email e si richiede una verifica (per adesso solo a Milano). Dopodichè si viene contattati da un membro del nostro staff che si recherà a casa dell’interessato per un pasto prova, per verificare le condizioi della cucina e per rispondere a tutte le tue domande. Se si passa questo step si diventa ufficialmente “cuoco” e si potranno piazzare i propri pasti in Appetit!

Cosa vuoi fare da grande? Progetti e ambizioni future rispetto ad Appetit?

Sicuramente continuare a contribuire a migliorare la vita di più persone possibili. Sappiamo che ci vorrà tempo ma siamo disposti da dedicarci a questa missione a tempo indeterminato per portare questa possibilità in tutto il mondo. Appetit ha ambizioni internazionali, sta infatti già operando su Bali, Indonesia e negoziando per attivarlo in altre regioni asiatiche . Abbiamo inoltre ottime opportunità per portare il servizio in altri tre paesi europei. Chi ci segue sarà informato!

 Intanto guardate questo video che vi spiega come prenotare su Appetit.

 Non resta allora che augurarvi bon Appetit!!

Elena
Meet the author / Elena

Inguaribile curiosa ed entusiasta della vita, mi piace andare in giro a scovare chicche e curiosità negli angoli nascosti della città. Adoro le storie, i viaggi, sia mentali che reali, amo le lunghe camminate e lo sport all’aria aperta e mi stupisco davanti alle piccole cose della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>